Stream of Consciousness del lunedì sera

Tempi bastardi per noi tutti. Quello che accade da anni in Tibet è qualcosa di scandaloso. I cinesi covano ancora grande rancore verso i giapponesi per anni di soprusi, tanto che proprio non volevano saperne di quel buco circolare troppo simile al Sol Levante in cima al World Financial Center di Shanghai. Che dire allora della questione tibetana? Probabilmente non abbiamo idea di quanto possa essere grave la situazione da quelle parti e la cosa peggiore è che i paesi occidentali rischiano grosso anche solo mettendo becco nella discussione.

Altro scontro è quello silenzioso (un eufemismo) per le fonti energetiche, e l’Africa ne sa qualcosa. In più, l’elevato prezzo del petrolio è una manna per i paesi possessori di riserve di greggio costoso da estrarre e lavorare, come le riserve offshore o le sabbie bituminose. Nel Polo Nord si litiga per la proprietà della dorsale di Lomonosov. Canada, Russia, Danimarca e Stati Uniti si danno battaglia per estendere i propri confini verso quelle aree che celano riserve di olio e gas oltre i 10 miliardi di tonnellate. Il Polo Nord, secondo le convenzioni internazionali di diritto del mare, non appartiene a nessuno. L’attribuzione può accadere soltanto se una delle due nazioni è in grado di dimostrare che la piattaforma continentale sottomarina si prolunga dalla propria terra sino ad un dato punto del Mar Glaciale Artico. O dimostrando che la struttura della piattaforma continentale è simile alla struttura geologica del proprio territorio. Esattamente quello che ha cercato di fare la Russia, che nel frattempo, nel 2007, ha piazzato la propria bandiera sul fondo del mare per mezzo di un sottomarino robotizzato, in un’area rivendicata anche da Copenaghen, richiamando così alla memoria dimostrazioni di forza (tanto simboliche quanto ininfluenti)  d’altri tempi.

Per non parlare del problema del surriscaldamento del globo. Un problema per molti, ma non per tutti, visto che lo scioglimento dei ghiacci del Polo Nord al quale stiamo assistendo permetterà di percorrere nuove rotte, che ridurranno drasticamente tempi e costi. Per esempio, la rotta Londra-Tokyo via canale di Suez è attualmente di 24.000 Km, mentre la nuova rotta via Polo Nord permetterà di raggiungere la città giapponese in soli 15.000 Km.

Qualunque crisi ha i suoi pro (per alcuni) ed i suoi contro (per altri). E coloro che restano fuori dai giochi di taluni e talaltri sono troppo spesso destinati a prendersi un cazzotto per guancia.

Risorse correlate: I cartelli: l’infelice esperienza del 1928
Annunci

6 pensieri su “Stream of Consciousness del lunedì sera

  1. ecco, ora darò dimostrazione della mia ignoranza.
    cioè, o tu leggi 5 quotidiani al giorno, oppure non so, ti invidio apertamente la cosa definibile come “essere a conoscenza di come van le cose”.
    spero sia solo perchè ho “solo” 20 anni (e purtroppo/per fortuna me ne sento 17, giuro)

  2. Mik3, tranquillo, Poluz si riferiva al mio post vagamente ottimistico. ;)

    Comunque mi fai troppi complimenti, poi mi monto la testa. :D Scherzi a parte, in realtà sull’oriente so ben poco. So solo quello che leggo qua e là tra internet e i giornali. Per il tema del petrolio il discorso è differente: all’università ho avuto un grande professore di Economia e politica del petrolio e da allora sono rimasto un appassionato di questi temi.

    Tra quattro anni, quando cioè avrai 24 anni come li ho io adesso ed il tuo percorso universitario sarà concluso, anche tu avrai una certa conoscenza di determinati argomenti. Fidati. ;)

    p.s. anch’io mi sento meno anni addosso, direi 18. e tra l’altro ne dimostro pure 18 -.-‘ :D

Rispondi

Effettua il login con uno di questi metodi per inviare il tuo commento:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...